cs 79 Festival Biblico a Padova Felice chi ha la strada nel cuore

Al via il percorso “padovano” del Festival Biblico edizione 2017, giunto alla 13° edizione (la quinta per la Diocesi di Padova), che ha come slogan Felice chi ha la strada nel cuore. Sei le Diocesi coinvolte quest’anno: Vicenza, Padova, Verona, Rovigo, Trento, e Vittorio Veneto. In tutto 224 eventi distribuiti in sei Diocesi del Triveneto: Padova ne ospiterà una ventina nei giorni 18 – 22 maggio 2017.

Il primo appuntamento “anteprima” è al cinema, mercoledì 17 maggio, alle ore 21, al Piccolo Teatro Don Bosco in via Asolo 2 a Padova, con la proiezione del film Jackie di Pablo Lorrain, un viaggio nella memoria della First Lady Jacqueline Kennedy (ingresso 4 euro).

Il Festival entra nel vivo del programma padovano, giovedì 18 maggio, con la doppia vernissage, a partire dalle ore 18, al Museo Diocesano di Padova, di due mostre realizzate in collaborazione con l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova. Inaugurazione che avviene proprio nella giornata internazionale dei musei. Sarà presente il vescovo, mons. Claudio Cipolla. Si tratta di Mirabilia. Il segno della contemporaneità nelle opere di artisti under 35 e Il viaggio di Giona, dell’illustratore Saul Darù. Il pomeriggio si concluderà con un reading dei Carichi Sospesi.

Saul Darù è illustratore e architetto. Dopo la laurea a Venezia si trasferisce per lavoro in Portogallo, successivamente in Spagna e in Cina. A Barcellona si specializza in architettura effimera e animazione stop motion. Lavora come illustratore free-lance con varie case editrici, realizza video-scenografie teatrali per l’opera lirica e per spettacoli per ragazzi e collabora a progetti di cooperazione internazionale ed europea nelle attività relative alla comunicazione grafica e consulenza architettonica. I suoi libri illustrati sono pubblicati in Spagna, Portogallo, Belgio, Malesia, Thailandia, Hong Kong, Indonesia e Taiwan. Espone in diverse mostre di illustrazione in Italia e all’estero, tra le più rilevanti ricordiamo: “Peer Gynt” – Padrino della manifestazione Emanuele Luzzati, Casamicciola Terme – Napoli – 2006.

Le mostre saranno aperte al pubblico (entrata libera) fino al 18 giugno 2017 con orario: giovedì-sabato ore 14-18 e domenica 10-18.

Informazioni:

www.festivalbiblico.it/programma

padova@festivalbiblico.it

eventofacebook: Festival Biblico 2017 a Padova

segreteria organizzativa: Giorgia Chiaro – 388 1655084

SCHEDA FESTIVAL BIBLICO PADOVA

Filo conduttore dell’edizione 2017, quindi, è il viaggio metafora della vita dell’uomo, segno di un cammino che è esigenza esistenziale, curiosità, necessità di scoperta e di incontro; spazio fisico, spirituale e di fantasia… Gli ingredienti sono davvero moltissimi e a Padova, l’edizione del Festival Biblico, coordinata da don Roberto Ravazzolo, direttore del Centro universitario, si articolerà lungo cinque filoni – artistico, testimoniale, filosofico-sociologico, biblico, spirituale – con appuntamenti di vario tipo e linguaggio (conferenze, cinema, tavole rotonde, mostre, reading, spettacoli, letture…) e ospiti qualificati, rappresentanti del mondo culturale nazionale e internazionale, nei contesti urbani e in alcuni luoghi particolarmente significativi per la città e per la Diocesi di Padova.

TUTTI GLI APPUNTAMENTI SU www.festivalbiblico.it/programma

A Padova, come nelle altre città, il Festival Biblico sarà un viaggio: nella Regione, dentro la Diocesi, nei luoghi della città, attraverso il tempo, lo spazio, le discipline, cercando declinazioni ampie del concetto di viaggiare, dallo spostamento fisico a quello metaforico; conoscendo personaggi diversi per estrazione e stili, ma accomunati da un pensiero nobile e animati da una grande curiosità.

«Il cammino è un’esigenza profonda dell’uomo – sottolinea don Roberto Ravazzolo, direttore del Centro universitario e coordinatore dell’edizione padovana del Festival Biblico – ci si sposta per esplorare l’ignoto o per fuggire il troppo noto, si naviga l’oceano, lo spazio o il mondo virtuale, si viaggia col corpo o anche solo con la fantasia. Gli itinerari degli uomini si intrecciano e diventano ricerca, progetto, speranza, sguardo nuovo sul mondo, ma anche delusione, morte e fallimento. Caminante, no hay camino, se hace camino al andar (Viandante, non c’è cammino, la via si fa con l’andare), scrive Antonio Machado. Avere il cammino nel cuore altro non significa che mantenere vibrante il desiderio della strada. Perché chi smette di andare, cessa di vivere».

In questa quinta edizione “padovana” del Festival Biblico si è scelto di rafforzare il coinvolgimento e la partecipazione di diverse realtà, non solo ecclesiali, ne sono parte attiva, infatti, il Centro universitario di Padova, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova, l’Associazione Bibbia Aperta, il Centro Diritti umani dell’Università di Padova, l’Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’Azienda.

Il Festival Biblico a Padova ha il patrocinio di Università di Padova, Esu Padova, Comune di Padova, Ufficio scolastico provinciale e il sostegno di Diocesi di Padova, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Fondazione Antonveneta.

CS 79/2017

Padova, 16 maggio 2017

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>