cs 112 Un Requiem per Tartini

Il Requiem di Mozart nella chiesa dove il grande musicista è sepolto

UN REQUIEM PER TARTINI

Il Requiem di Mozart nella chiesa dove il grande musicista è sepolto

Con il Patrocinio del Senato della Repubblica

Sabato 18 maggio, ore 19
Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria
Padova, via Cesare Battisti 245

Domani sabato 18 maggio, alle ore 19, nella chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, in via Cesare Battisti 245 a Padova, secondo appuntamento con un Requiem per Tartini, il Requiem di Mozart, dedicato al grande musicista Giuseppe Tartini, sepolto proprio in questa chiesa.

L’iniziativa è organizzata e promossa dal Centro Universitario Padovano in collaborazione con l’orchestra Bottega Tartiniana e il Coro Iris Ensemble; e vede il patrocinio del Senato della Repubblica. Ingresso libero.

La magnifica chiesa di Santa Caterina d’Alessandria a Padova conserva la tomba di Giuseppe Tartini (Pirano, 8 aprile 1692 – Padova, 26 febbraio 1770), grande violinista e didatta del ‘700 che a Padova visse e compose e che resta il più grande musicista legato alla nostra città. Fu uno dei virtuosi di violino più famosi della sua epoca, un apprezzato compositore e un grande insegnante.

Giuseppe Tartini è al centro di una vera e propria rinascita legato all’importante anniversario dei 250 anni dalla morte che ricorre l’anno prossimo.

 

«Il Requiem di Mozart – spiega don Roberto Ravazzolo, presidente del Centro universitario padovano e rettore di Santa Caterina – è sicuramente il capolavoro della musica sacra del ‘700 e probabilmente di tutti i tempi, e avere l’occasione di ascoltarlo in questo luogo così bello e così importante per la nostra città e per la storia della musica europea è un’occasione unica».

«Bottega Tartiniana è un gruppo di archi che unisce le generazioni di musicisti – spiega Cecilia AllegriInfatti nasce proprio con lo spirito di trasmettere l’arte tra grandi maestri, come Piero Toso (decano dei violinisti veneti), e giovani professionisti che uscendo dal conservatorio si affacciano alla vita professionale. La musica classica è tutt’altro che noiosa, specie se suonata con la freschezza e la verve con cui la eseguiamo ed è ancora in grado di esprimere le emozioni più profonde e più dolorose, come la splendida musica del Requiem di Mozart».

Il Coro Iris Ensemble è sicuramente tra i più apprezzati nel panorama cittadino e veneto, grazie alla guida della sua direttrice, Marina Malavasi che afferma «siamo molto legati al Centro universitario padovano e alla chiesa di Santa Caterina, e cantare il Requiem di Mozart è il sogno di ogni corista».

Completano la serata un quartetto di solisti d’eccezione come il soprano Diana Trivellato, il contralto Silvia Regazzo, il tenore Luca Favaron e il basso Abramo Rosalen, diretti da Giancarlo Rizzi, giovane direttore dalla carriera internazionale, padovano d’adozione, che in autunno debutterà con il Faust di Gounod presso il Theater an der Wien di Vienna, uno dei teatri più prestigiosi del mondo.

«Il nostro Requiem di Mozart – spiega il direttore Giancarlo Rizzisarà un’esecuzione nuova, con un’interpretazione molto legata al testo musicale originale e molto legata al senso profondo del testo latino, rispettosa della musica del grande Maestro».

L’iniziativa è unica nel suo genere e offre l’inedita possibilità di ascoltare il celebre Requiem di Mozart in un luogo quasi leggendario e di grande fascino.

L’evento vuole essere anche la possibilità di far conoscere alla città il luogo dove è sepolto il suo più illustre musicista e di far conoscere allo stesso tempo una realtà giovane e dinamica come la Bottega Tartiniana, che presenta la musica del settecento in una veste nuova e proiettata verso il futuro e l’Europa.

È attiva una campagna di crowdfunding per chi vuole contribuire a sostenere l’iniziativa, tutti i dettagli si trovano sulla pagina facebook di “Bottega Tartiniana”.

L’evento è organizzato in collaborazione con il Conservatorio Cesare Pollini, Gli Amici della Musica di Padova e Tartini2020.

CS 112/2019

Padova, 17 maggio 2019

112_requiem tartini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>